Thursday, 12 February 2015

Februári népszokások

Tradizioni, feste e caratteristiche del mese di Febbraio 



olasz februári népszokások
Il mese di Febbraio, seppure breve e freddo, è un mese ricco di festività vecchie e nuove, di speciali ricorrenze, di riti antichi.

Sin dai primi giorni, infatti, si rincorrono la Candelora, le Feste di San Biagio, la Festa di Sant'Agata, San Valentino, il Carnevale, L'Androgino di Sartiglia e tante altre ancora.

L'Italia è stato a lungo un Paese agricolo, e gran parte delle celebrazioni accennate sono riconducibili prevalentemente agli usi ed ai costumi dei contadini. Le loro origini si perdono nella notte dei tempi, quando gli dei pagani scandivano il trascorrere dei giorni.

Non sorprende allora, che molti dei proverbi di Febbraio facciano costante riferimento ai ritmi della natura ed alla vita dei campi. "Febbraio corto e amaro", oppure "Febbraiuzzo peggio di tutto" sono detti che esprimono chiaramente le difficoltà di un mese in cui si doveva ancora far ricorso alle provviste invernali, oramai quasi esaurite. Ma, l'inverno è una stagione di attesa e speranza per gli agricoltori perché la semina dia frutti abbondanti: "Se di febbraio corrono i viottoli (se la pioggia scorre copiosa), empi di vino e olio tutti i ciottoli". Sebbene il clima sia ancora rigido, l'arrivo della Primavera s'intravede nelle giornate più lunghe: "Febbraio il sole in ogni ombraio", in Febbraio, cioè, la luce del sole illumina anche quei luoghi che da novembre erano rimasti nell'oscurità.


(forrás: http://italiadonna.it)

Találd meg a szinonímapárokat:

No comments: